Laurus Nobili, l’ Alloro

 

L’ Alloro è una delle aromatiche più diffuse nel nostro territorio.

la pianta dell' alloro

E’ una pianta a forma di arbusto o piccolo alberello, folto e alto fino a 10 mt, sempreverde. La scorza del frutto è grigia e nei rami giovani è verde.

Le foglie sono singole e alterne, lunghe 6-10 cm, coriacee con picciolo corto. Verde scuro nella pagina superiore e più chiaro sotto. Le ghiandole oleose di cui sono formate emanano il profumo conosciuto. 

I fiori sono unisessuali su piante separate (pianta dioica: Dioico è un termine che si riferisce alla riproduzione sessuale delle piante. Indica che gli organi riproduttivi maschili (stami) e femminili (pistillo) sono portati su due piante distinte, cioè esistono quindi esemplari con fiori maschili e fiori femminili della stessa specie). Fiori peduncolati bianco giallastri con 4 petali a formare piccoli grappoli ascellari. 

Fiori leggermente profumati con nettare e attraggono tanti insetti pollinatori. 

E’ pianta spontanea toscana, cresce in tutti i boschi e componente tipico della macchia mediterranea. Vive fino a 800 mt sul livello del mare. 

Fiorisce da MARZO a GIUGNO.

alloro fioritura

Le foglie si possono raccogliere durante tutto l’anno,  ma le migliori sono quelle raccolte in Luglio e Agosto. 

I frutti si raccolgono a maturazione completa in Ottobre-Novembre

alloro frutti

Le foglie se non usate fresche si possono essiccare all’ombra in un luogo ben aerato, i frutti si essiccano in luogo riscaldato e si possono conservare in vasi di vetro. 

la fioritura

In mitologia è simbolo della poesia, sacro per gli artisti, l’alloro è anche simbolo di magia e negromanzia: i maghi si cingevano corone di rami d’alloro al capo, e di foglie si ornavano gli abiti e le vesti.

Nel mito Dafne concupita da Apollo fu trasformata in alloro al suo tocco. In tutte le tradizioni preelleniche questa storia sotto diverse sfumature è stata utilizzata e reinterpretata  da Greci e Romani.

Si trasformerà poi in un simbolo di Vittoria che useranno gli imperatori romani e poi i cristiani (vittoria spirituale e vita eterna).Laurus Nobili, l' Alloro

Nella campagna emiliana si traevano auspici sul futuro raccolto bruciando le foglie di alloro; se il crepitio era vivace il raccolto sarebbe stato abbondante; 

Veniva messo nelle corone con lauro-rosmarino-ginepro-olivo benedetto-fico e noce – dietro le porte per difendersi dalle streghe (nere).

Inoltre mettere alcune foglie  di alloro sotto il cuscino era considerato un modo per avere sogno chiaroveggenti.  

Anche l’infuso di foglie di alloro era considerato un metodo potente e sicuro per ottenere il potere della chiaroveggenza.

E’ considerata l’erba di purificazione e protezione per eccellenza, bruciata nelle case per scacciare la negatività e per la pulizia degli altari e dei luoghi di culto per allontanare situazioni negative (rituale fatto ancora oggi).

Per un lavaggio rituale a scopo di purificazione spirituale invece veniva consigliato l’utilizzo di acqua pura in cui erano state mischiate alcune foglie di alloro.

Un consiglio prezioso: raccogli l’alloro all’alba, guardando verso est!

Lauro (e ortica) diffondono, attraverso la pelle, la loro energia ai tessuti profondi: per questo sono potentissimi contro la stanchezza, l’astenia, la fiacchezza di fine inverno.

Ha proprietà antidolorifiche su contusioni e stiramenti muscolari. 

Come stimolante gastrico e anche come calmante del dolore provocato da punture di insetti. 

Azioni secondarie ma non trascurabili sono quella espettorante, antisettica e antinfiammatoria, utili in caso di problemi all’apparato respiratorio come tosse, influenza, faringite e bronchite.

In cucina si usano le foglie sia fresche che secche per aromatizzare sughi e arrosti, per infusi digestivi o per preparare liquori. 

Le foglie di lauro essiccate ed adoperate in infuso o decotto sono stimolanti la digestione, antisettiche, curano le turbolenze digestive le tensioni da aerofagia e fermentazioni intestinali. 

Un rametto di alloro nell’armadio per tenere lontano le tarme; 

messo nei contenitori di legumi e cereali per allontanare i parassiti. 

Passato sul pelo degli animali tiene lontano le mosche e insetti. 

Alcune delle nostre ricettine preferite

Infuso del mattino

Al mattino è consigliabile bere a digiuno 1-2 tazze di infuso preparato con un cucchiaino di foglie e radici di ortica e un cucchiaino di foglie di alloro: è un potente digestivo, utile contro il mal di stomaco, e un efficace depurativo e rinforzante del sangue. L’ortica è ricca di clorofilla, vitamina C, sali minerali come ferro, silicio, potassio e magnesio. Non solo: questo infuso regala vitalità, energia e combatte anche i reumatismi. Può essere usato per fare  suffumigi per un’azione espettorante e per aprire le vie respiratorie, l’odore delle foglie di alloro è rinfrescante e genera sollievo nelle fosse nasali.

L’oleolito di Alloro fai da te. 

Ad azione antinfiammatoria, antidolorifica, antisettica.

Per realizzare l’oleolito occorre solamente un buon olio vegetale, ad esempio un olio di mandorle o di girasole, meglio se spremuto a freddo e biologico. E alcune foglie di alloro appena raccolte.

E’ importante sapere che quando prepariamo un oleolito da pianta fresca il rapporto tra piante fresche e olio è circa 1:2, è indispensabile comunque che    l’erba sia completamente ricoperta dall’olio, quindi se necessario possiamo aggiungerlo.

Dopo aver lavato e asciugato bene le foglie disponetele all’interno di un vaso di vetro trasparente con il tappo e assicuratevi di coprirle bene con l’olio.

Dopodichè dovreste trovare un posto al sole dove farlo riposare per almeno 40 giorni. Il barattolo deve rimanere capovolto in modo da far uscire l’aria in eccesso e  nei primi giorni dovete ricordarvi di agitarlo spesso in modo da non lasciare nessuna parte della pianta a contatto con l’aria.

Finita la macerazione (dopo i 40 giorni) la parte acquosa della pianta, se presente, si sarà separata dall’olio permettendoti di dividere le due parti e filtrare la parte oleosa per separarla da eventuali residui utilizzando un setaccio a trama fine.

L’ oleolito così ottenuto può essere applicato localmente 2-3 volte al giorno come spiegato qui di seguito. 

Si può diluire nuovamente in un olio vegetale come ad esempio l’olio di mandorle.

Massaggiato sulla parte del corpo dolente, serve per lenire gli spasmi reumatici o per facilitare la ripresa dell’uso delle articolazioni dopo ingessature o traumi di varia natura. 

Massaggiato sul ventre, svolge un’azione rilassante sulla muscolatura liscia del sistema gastroenterico. Utile in presenza di spasmi, intestino irritabile e per eliminare i gas che provocano meteorismo e flatulenze.

Per infezioni dell’apparato respiratorio può essere usato massaggiando il petto ma anche quando avvertite fastidio alle fosse nasali o se desiderate migliorare la salute respiratoria.

Se soffrite di mal di schiena, di infiammazione alle ginocchia, massaggiate dolcemente le articolazioni con gli estratti (oleoliti) di ortica e alloro veicolati in olio vegetale: sfiammano in modo naturale.

Laurus Nobili, l' Alloro
Oleolito di alloro ad inizio lavorazione

 

Cura della pelle. Si tratta di un riequilibrante naturale della cute, regola l’equilibrio sebaceo e previene acne e infiammazioni. Ringiovanire significa prima di tutto ripulire e rigenerare la pelle. Rivitalizzando l’intero organismo, troveremo la nostra bellezza naturale

Cura dei capelli. È un efficace rimedio anche per rinforzare e prevenire la caduta dei capelli. Frizionato sulla cute con regolarità e costanza, stimola la micro-circolazione e l’ossigenazione, contrastando efficacemente l’indebolimento e la caduta dei capelli.

Insieme, gli estratti di ortica e alloro vanno anche usati per un massaggio vigoroso sul cuoio capelluto; combattono la caduta dei capelli e sono molto utili in caso di seborrea, forfora, capelli grassi. 

Questi trattamenti andrebbero fatti la sera prima di dormire. 

Non è un  caso che trovate le proprietà di queste piante nel nostro Shampoo Doccia Aromatico (insieme a Menta per le sue proprietà aromatiche e rinvigorenti e Senape, per aumentare la stimolazione del microcircolo). 

Aromaterapia. L’olio di alloro è un vero stimolante, rinforza la capacità di concentrazione e la memoria. Placa ansia e paure. Per questo è molto utile in caso di esaurimento, stanchezza e stress. Fa bene anche all’ambiente: mettendone una goccia nel bruciatore di olii essenziali aiuta a eliminare gli insetti.

Le foglie hanno un alto contenuto di acido folico (180 milligrammi ogni 100 grammi), fondamentale per la sintesi del DNA del feto durante il periodo gestazionale. Si dice che questa vitamina previene l’insorgenza di difetti congeniti nel bambino fino alla nascita. 

Abbastanza importante è anche l’apporto di vitamina A che protegge le mucose, la pelle, la salute degli occhi e i polmoni. E’ scientificamente provato, infatti, che l’assorbimento di vitamina A previene l’insorgenza di alcune forme tumorali dell’apparato respiratorio.

Non da meno, questa pianta è ricca anche di vitamina B e sali minerali (potassio, rame, calcio, manganese, ferro, selenio, zinco, magnesio) importantissimi per regolare la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca, il metabolismo e il sistema nervoso.

Il pianeta di riferimento è il Sole, le piante solari riportano all’amore del nostro cuore, donandoci consapevolezza e valore al nostro vissuto interiore.

L’elemento è il Fuoco, il genere è Maschile ed è collegato al VI chakra

Etimologia della parola: 

Laurus forse dal latino Laus: lode, lodare. Riferito al potere curativo ‘lodato’ sin dall’antichità. 

Plinio lo chiamava Laurus delphica – Empedocle lo considerava la regina di tutte le piante. 

Il messaggio della pianta… secondo noi. 

Aiuta a riflettere su ciò che non non accettiamo del nostro vivere quotidiano, quelle emozioni e vissuti che fatichiamo ad esprimere a parole.

La sua azione è “liberatoria”, capace di sciogliere i condizionamenti inconsci che ci bloccano, schemi comportamentali e modelli di riferimento che frenano la libertà personale.

L’alloro ci aiuta a prefiggersi delle mete, a progettare, a realizzare quelli che sono i nostri propositi, toglie la paura di “lasciarsi andare” ci spinge verso la nostra felicità personale, alla realizzazione. 

In questa  visione vittoriosa della nostra realizzazione ci mantiene comunque legati alla parte spirituale della natura, alle sua energia senza concentrarsi esclusivamente sul piano razionale e materiale.

L’ Alloro simboleggia il coraggio, la forza, la fiducia in se stessi e l’intuizione, sveglia la chiaroveggenza e attrae il successo.

Allora… chi non ne ha bisogno! Evviva l’Alloro !!! 

Lascia un commento