Raccontiamo l’ Incenso Beltane – Incensi Rituali de le spontanee

Ormai sapete che amiamo studiare i rituali antichi e amiamo ritualizzare in forma moderna alcune tradizioni che sono arrivate sino a noi e che tentiamo di mantenere vive.

Pensando ai rituali che prepariamo ogni mese abbiamo scelto di completare il lavoro di ‘personalizzazione’ del nostro studio inserendo degli incensi appositamente creati per i nostri rituali spontanei.

incenso-beltane

Abbiamo subito pensato di chiamare in nostro ‘soccorso’ il nostro caro collaboratore Marco Billi (Jarguna), artista delle fragranze, ricercatore appassionato, etnobotanico rispettoso e coltissimo. E’ un piacere ogni volta trovare una scusa per incontrare i suoi racconti e le sue conoscenze.

Marco ha creato per noi Incenso Beltane. Gli abbiamo mandato le nostre ricerche, alcuni dei nostri appunti e lui si è messo al suo tavolo di lavoro e in pochi giorni ha miscelato per noi le parole che avevamo usato per raccontare ciò che volevamo.

Una fragranza potente, pulita, dalla grande forza.

Ci ha poi raccontato la gestazione del nostro Incenso:

“Ho cercato di creare una fragranza che ricordasse la terra, il bosco. Ho cercato ingredienti semplici.Sono partito dal Muschio Quercino ed una radice (non proprio europea) la Alpinia Galanga (fa parte della famiglia degli zenzeri) perchè volevo qualcosa di profondamente terroso.

Umido e grottesco.

L’albero maestro degli abitanti del bosco è la Quercia, il grande albero del bosco.

E ho aggiunto poi la Gemma del Pioppo (nominato balsamo di Gelead territorio della zona di Gerusalemme) che è gemma intorno al mese di Marzo che ha un aroma fortemente ceroso. Una essenza che ricorda qualcosa di alimentare, dolce, anche se nella bruciatura diviene acre.

Per avere un aroma ceroso il pioppo è splendido al posto della cera d’api che nella bruciatura non ha buon odore.

Ci sono altri aromi dentro che danno sentori termentinosi come le conifere ma ho utilizzato una essenza proveniente dal Messico.

La trementina, la gemma di pioppo, il muschio dolciastro la galanga dinuovo terrosa: queste quattro componenti mi hanno dato l’immagine del druido che nella foresta celebra la cerimonia per il buon auspicio di Beltane.

Spero sia di vostro gradimento, questa è la mia interpretazione olfattiva del Beltane delle Spontanee.

Marco Billi”

Non pensiamo ci sia bisogno di aggiungere altro.

Va solo preparato il carboncino, acceso, aspettato che si scaldi bene e messo qualche grammo di questa miscela rimanendo in ascolto.

Il resto fatelo voi.

Buona cerimonia dell’incenso.

Elena Miniera e Silvia Rio, le spontanee

©tutti i diritti riservati. E’ vietata la riproduzione parziale o totale o con foto dello scritto senza citare l’autore.

Puoi acquistare Beltane nel nostro Negozio e a breve arriveranno anche tutti gli strumenti necessari per lavorare con gli Incensi (bruciatori, carboncini etc…)

Le fonti sono esperienziali e di nostra interpretazione della tradizione rituale.

Lascia un commento